CHI SONO Passa ai contenuti principali

CHI SONO

 

La buona creanza vuole che si fornisca qualche informazione personale nel momento in cui si proponga del materiale. Per cui, cercherò di fare la brava persona anche on-line. 

Mi chiamo Dario, e questo basta e avanza circa i dati anagrafici. Studio. 
Un aspetto che ritrovo sempre vivo nel mio presente è la voglia di dare consistenza a ciò che penso, che sento. Un bisogno inspiegabile di creare, creare a partire dalle materie prime di cui dispongo pienamente e che mutano continuamente, come è giusto che sia. 

Il mio spirito eccentrico - non coinvolgendo necessariamente la sfera dell'immagine - ha spesso tentato di esplicarsi nella scrittura ( ricordo con un po' di imbarazzo vani tentativi infantili di scrivere racconti e, ancora peggio per certi versi, poesie! ); ma, così intento a plasmare i miei pensieri, non sono mai riuscito a propormi un progetto organico, un' idea con dei precisi obiettivi, cosicché tutte le varie esperienze iniziate hanno trovato termine in malinconici abbandoni e fallimenti. 

Aprendo questo blog, mi sono invece posto delle domande alle quali ho dato risposte più o meno esaurienti a mio giudizio, ma che indubbiamente mi hanno aiutato almeno a farmi un quadro generale di ciò che questo spazio è e sarà.


La scelta di immergermi nel mondo del commento letterario trova il suo perché nel potere che un po' tutti riconosciamo alla lettura, ossia quello di risvegliare sensazioni assopite, ma anche di suscitare nuovi moti, di dare nuovi nomi alle diverse presenze che ci abitano. Quello che mi propongo è di riuscire a creare uno spazio di interazione, un luogo in cui poter contribuire non solo alle proprie riflessioni ma anche a quelle di chi passerà a sua volta di qui. Spero di esserne capace.

Buone letture...

Commenti

  1. Bel blog, ma l'autore che fine ha fatto ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo, mi fa molto piacere che tu abbia apprezzato questi articoli. Purtroppo alcuni cambiamenti mi hanno costretto a dedicare quasi tutto il mio tempo ad altro, ma spero di assestarmi e tornare a produrre contenuti che mi soddisfino. Grazie per il commento!

      Elimina

Posta un commento

Lascia un commento!
Condividi con l'autore e gli altri lettori impressioni, opinioni, riflessioni, critiche. Sarebbe bello poter creare un ambiente di confronto!

Post popolari in questo blog

Leggiamo il teatro: Shakespeare e Pirandello pt.2

Riccardo II ed Enrico IV
Abbandono dell'identità, rinuncia alla coscienza di sé: questi gli strumenti che il passo del Riccardo II shakespeariano analizzato nel precedente articolo ci ha indicato come gli unici capaci di garantire all'individuo un posto nel mondo. E lì si concludeva dicendo che l'Enrico IV pirandelliano sembra proprio percorrere questa strada.
Una comitiva di giovani signori dei primi decenni del XX secolo organizza una cavalcata in maschera in occasione del Carnevale: ognuno è chiamato a scegliersi un personaggio storico e ad impersonarlo indossando non solo un costume che lo ricordi, ma anche le vicende della sua stessa vita - la sua storia - e quanto della personalità del personaggio scelto sia possibile conoscere. 
Almeno, è così che il protagonista si prepara ad interpretare il suo Enrico IV di Franconia (non Enrico IV di Borbone: l'Enrico IV di cui si parla qui fu Sacro Romano Imperatore fra il 1084 e il 1105; l'altro fu il primo re di Franci…

Recensione • GENTE DI DUBLINO

Con i suoi quindici racconti, Gente di Dublino (Dubliners il titolo originale) rappresenta non solo una fra le maggiori opere di James Joyce, ma anche la consacrazione del genere e del suo futuro successo. Pubblicato nel 1914, il libro contiene brevi storie scritte fra il 1904 ed il 1907, tutte ambientate nella Dublino malinconica e arresa di inizio secolo scorso. 
Silenzio. Una sensazione alquanto inusuale, ma è proprio quella che ho provato al termine delle lettura di ciascuna storia.

Antonio Rocco・Della bruttezza

Un discorso, di quelli che un tempo venivano recitati come dimostrazioni di abilità oratorie. Eredità del mondo antico, che così caro aveva il suono della voce umana. Un richiamo che Antonio Rocco (1586 - 1653), lettore di retorica a Venezia, non smette di sottolineare con le sue continue citazioni. E ad ognuna di queste spinge più affondo l'ago con cui ci ha punto quando abbiamo immaginato di sentirlo, sguardo compiaciuto:
" Vi dico, ch'io voglio nel mio presente discorso trattar di cose brutte, con brutto e disconcio favellare. "
La bruttezza come opposta all'affascinante, ammaliante, pericolosa bellezza. La bruttezza senza la quale gli uomini non avrebbero ragione di sperare nel dono della redenzione, senza cui non si potrebbe esprimere l'immensa clemenza del divino. La bruttezza dell'ignoranza, garante di serenità.
Una lettura non scoscesa, sebbene l'italiano sia quello del diciassettesimo secolo. Ci riempie di immagini raccolte a piene mani dall&#…