Tamara de Lempicka: il corpo Passa ai contenuti principali

Tamara de Lempicka: il corpo

 
L'autenticità di un corpo. Innanzitutto, un corpo è volume. O meglio, complesso di volumi. Volumi disegnati secondo una geometria irregolare, imprevedibile, a tratti scivolosa, a volte affilata. Ma agli occhi sensibili di chi guarda il mondo come spazio, la prima facoltà del corpo è quella di occupare lo spazio, fin quasi ad amplificarlo.

Tamara de Lempicka ©, La belle Raphaëla, 1927 www.DeLempicka.org
Un corpo è spazio rubato, come gemme strappate alle rocce. È intagliato, agitato. Un corpo è l'atto finale di un contratto col mondo. A qualcosa di misterioso è concesso un ricettacolo pronto a snodarsi sotto il suo impeto. Alla vita è dato un corpo per riempirlo, sentirsi essa stessa sazia di sé, compressa fino ad esplodere.

Tamara de Lempicka ©, La bretonne, 1934 www.DeLempicka.org
Esplodere nel dispiegarsi di un movimento. Nel movimento sembra potersi cogliere il ritratto della vita.

Tamara de Lempicka ©, Portrait de Nana de Herrera, 1929 www.DeLempicka.org


Commenti

  1. constantly i used to read smaller articles or reviews
    that as well clear their motive, and that is also happening
    with this paragraph which I am reading at this place.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you for your comment! I'm not an art expert, so I'm comfortable only writing about what I feel watching some masterpieces.

      Elimina

Posta un commento

Lascia un commento!
Condividi con l'autore e gli altri lettori impressioni, opinioni, riflessioni, critiche. Sarebbe bello poter creare un ambiente di confronto!

Post popolari in questo blog

IL MONDO DELLA SCRITTURA: COS'È OGGI?

Buon inizio di settimana! Da quando ho iniziato questa esperienza, ho conosciuto diversi blog che affrontano la tematica della "scrittura come mestiere", se è lecito dire così. Molti di noi che scriviamo in questi spazi ambiamo a poter un giorno fare di ciò che ci piace e ci riesce meglio il nostro lavoro, o comunque desideriamo ottenere un apprezzamento per i ricami che riusciamo a produrre con le parole.  Raggiungere tutto questo sembra però fattibile solo ammettendo di essere degni di un miracolo: è noto quanto sia difficile per un autore, e spesso indipendente dalle sue effettive capacità, affermarsi in ambito letterario e fare dell'arte il suo sostentamento. Eppure la gente impara ancora a leggere.

Jan Vermeer・La lattaia

La lattaia (1658 - 61 ca.) è sicuramente uno dei dipinti più famosi di Jan Vermeer. La monumentalità rassicurante delle sue forme, insieme alla grazia del gesto misurato e allo sguardo concentrato, conferisce al personaggio un fascino quasi materno. Una scelta rara se non unica in confronto al resto dell'opera di Vermeer, che preferisce spiare la privata titubanza di giovani spose indecise fra la virtù e il vizio o la pigrizia di padrone assopite, piuttosto che riempirci del sereno conforto di una solida rettitudine.


Il richiamo alla virtù, che spesso in Vermeer assume la forma della Temperanza (raffigurata in allegoria sui vetri colorati delle immancabili finestre), era missione tipica della pittura di genere olandese del XVII secolo: siamo nel "secolo d'oro" delle Province Unite -  "unite" proprio dalla nuova etica della Riforma, anche solo come scusa per l'indipendenza - secolo che fu tale proprio per la piena adesione dei più agli insegnamenti pater…

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!