Jan Wallentin - La stella di Strindberg Passa ai contenuti principali

Jan Wallentin - La stella di Strindberg

 
L'atto finale di un mistero che sembra antico quanto il mondo. Jan Wallentin propone incontri di vite impantanate nelle loro storie, tutte in attesa della propria svolta. Ma La stella di Strindberg è capace di raccontarci un vero viaggio?

Svezia. Un sub si immerge in un pozzo, ossessionato dal pensiero che nessuno si accorgerebbe della sua scomparsa. Ed è elemosinando attenzioni che fa un ritrovamento inaspettato. Nuovi personaggi spuntano, si affaccendano intorno alla scoperta, ma senza nessun desiderio di scoprire. Tuttavia il meccanismo è già innestato: quando un mistero risorge tornano in superficie brame deluse, progetti incompiuti, vite incapaci di rivolgersi altrove. Una croce e una stella promettono di indicare il segreto della morte, di insegnare la formula della vita. Starà al lettore esplorare insieme ai personaggi un cammino che si snoda fra ricordi, ombre della storia, pericoli e quelli che si propongono come colpi di scena. 

Il romanzo è scritto con piacevole scorrevolezza e non si può negare a Wallentin, giornalista televisivo svedese, una certa capacità di immaginare una vicenda che stuzzichi la curiosità del lettore. Si avvertono però come degli intoppi nel metterne insieme le parti. Anzitutto, quello che vorrebbe essere un ingresso ritardato dei protagonisti si trasforma nell'abbandono di quei  personaggi che aprono l'opera, troppo osservati per poi essere del tutto dimenticati. 

Jan Wallentin
Quando poi entra in scena il complesso dei personaggi principali e dei comprimari, non si capisce se il ricorrere alla descrizione ripetuta di tratti sempre uguali di questi caratteri sia un modo per renderli inconfondibili, per creare un qualche effetto insomma, o se l'autore sia incapace di vederli impegnati in una rosa più ampia di atteggiamenti. Don che cerca nella borsa le sue pillole, ad esempio: un gesto che ritorna lungo tutto il romanzo senza mai rinnovarsi in armonia con la nuova situazione o con un nuovo stato del personaggio. La ripetizione col fine di caratterizzare, di rendere riconoscibile è uno strumento certamente utilizzabile e utilizzato non solo in letteratura, ma non dovrebbe mai risolversi in un'impacciata ripetizione. Comunque, un volta capite le possibili intenzioni, il lettore può benissimo sforzarsi per far funzionare il meccanismo.

Vi sono poi ripetizioni che attraversano più di un personaggio, soprattutto quella del tipo "Si alzò e all'improvviso si accorse di essersi messo a camminare". Non credo sia l'unica maniera per rendere i momenti di rapimento da parte dei pensieri. Ma non sembra così per l'autore.

La storia non manca di suscitare una certa curiosità, come ho detto. Ma sembra poi trascinarsi stancamente. Il finale è esattamente quello che ci si aspetterebbe per un racconto del genere, ma ci si arriva dopo aver esaurito tutte le potenzialità dell'attesa: in breve, il momento di maggiore suspense precede di troppo il finale. Il lettore ha la sensazione di aver letto tutto, mentre ancora restano un centinaio di pagine.

Wallentin è comunque capace di offrire battute di una certa finezza. Mi riferisco sopratutto a quella pronunciata da un tassista:

In guerra la fine arriva troppo rapidamente. [...] L'anima non fa in tempo ad adattarsi, il cambiamento è troppo brusco: un mattino prima è in mezzo al frastuono di tutta quella ferraglia, e corre avanti con ogni fibra di ogni muscolo, e un attimo dopo è tutto finito.
 Una lettura piacevole, non un capolavoro, che non ci risparmia però possibilità di riflessione.


Titolo: La stella di Strindberg
Autore: Jan Wallentin
Tradotto da: Katia De Marco
Casa editrice: Marsilio (Giallosvezia)
Anno prima edizione svedese: 2010
Link Amazon: https://amzn.to/2FINDVS

Commenti

  1. I'd like to thank you for the efforts you've put in writing this
    site. I really hope to view the same high-grade blog posts by you in the future as well.
    In truth, your creative writing abilities has encouraged me to get my own website now ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you for your comment! I’m really glad to know my words have encouraged you so. Best wishes for your website!

      Elimina
  2. Good answers in return of this difficulty with genuine arguments and explaining
    everything on the topic of that.

    RispondiElimina
  3. Hello to every body, it's my first pay a visit of this
    webpage; this blog consists of amazing and really fine data
    in favor of visitors.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you for your comment! Don’t forget to subscribe the newsletter!

      Elimina
  4. Good post. I definitely appreciate this website.
    Keep it up!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un commento!
Condividi con l'autore e gli altri lettori impressioni, opinioni, riflessioni, critiche. Sarebbe bello poter creare un ambiente di confronto!

Post popolari in questo blog

Recensione • GENTE DI DUBLINO

Con i suoi quindici racconti, Gente di Dublino (Dubliners il titolo originale) rappresenta non solo una fra le maggiori opere di James Joyce, ma anche la consacrazione del genere e del suo futuro successo. Pubblicato nel 1914, il libro contiene brevi storie scritte fra il 1904 ed il 1907, tutte ambientate nella Dublino malinconica e arresa di inizio secolo scorso. 
Silenzio. Una sensazione alquanto inusuale, ma è proprio quella che ho provato al termine delle lettura di ciascuna storia.

Recensione • GIOBBE - ROMANZO DI UN UOMO SEMPLICE

Romanzo strano.  Giobbe - Romanzo di un uomo semplice, sembra (e dico: sembra) non concedersi affatto alcuna licenza dalla semplicità dell'uomo la cui storia, intrisa di affanni, Joseph Roth ha vergato fra le sue righe. Pubblicato nel 1930, è opera di un autore abbastanza singolare, sul quale invito a leggere qualcosa, basta una di quelle biografie che il web ospita. 
A dire il vero, questo romanzo non è rientrato per niente nelle mie aspettative. Ma è altrettanto vero che difficilmente accade il contrario, soprattutto se l'idea che ci si è fatti non solo è priva di alcun legame con l'esperienza diretta dell'oggetto (nel nostro caso, il libro in questione), ma è per di più un'immagine ben nitida e fissa nella nostra mente. Ciononostante, lungi da me dirmi deluso da questa lettura. Romanzo strano (mi ripeto intenzionalmente; tale constatazione mi si è presentata più volte alla mente mentre sfogliavo il libro, quasi una sorta di leitmotiv).

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.