Il fascino di Vermeer Passa ai contenuti principali

Il fascino di Vermeer

 
Il pittore della luce. Titolo d’onore che Vermeer condivide con altri grandi. Ma, nonostante la luce fosse la grande domanda della sua arte, chissà quante volte fra i pensieri di un ammiratore ne sia stato scoperto uno un po’ spavaldo, subito zittito: non è solo questione di luce.

È il resoconto, il diario di chi si sia appostato in attesa del momento giusto, della luce giusta, lo ammetto. Ma quando la luce va a scoprire una macchiolina vermiglia, come non sentire tutto il peso dei pensieri taciuti, l’elegante sforzo di una mano che sfiora il mento, il timore di sprofondare?


Jan Vermeer, Fantesca che porge una lettera alla signora, 1667 ca.


Si tratta anche di colore. Due lacci di fuoco che scorrono, dimentico cosa siano, mi chiedo se stiano pulsando. 

Dal buio emerge una fronte dal riflesso discreto, sicuramente più discreto del bagliore della lettera, un lampo che squarcia il colore, pizzica l’occhio. È la storia di due sguardi. Per il nostro non c’è spazio.

Vermeer ci ha messi a spiare. Ci riempie di desideri, e non ce ne esaudisce nessuno. Non ci fa ascoltare le parole. Non ci fa toccare i corposi sbuffi gialli, tesi a rubar luce alle pieghe brune, né tantomeno ce ne fa sentire il fruscio. Mai ci farà leggere le macchie dell’anima custodite in quella, accecante, lettera.

Ci tenta, il peccato potrebbe compiersi in un istante. Basterebbe afferrare il fiocco che stringe le perle. Tirarne un lembo. Quanto ci provoca, la luce, quando bagna le perle. 

Ecco, non è solo questione di luce. Si tratta del silenzio che risveglia la vita, quella precipitosa, che scopre e afferra. E la smentisce. Per sempre.

E voi, come descrivereste il fascino di Vermeer?

Commenti

  1. I have read so many posts regarding the blogger lovers but this paragraph is actually a fastidious post, keep
    it up.

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un commento!
Condividi con l'autore e gli altri lettori impressioni, opinioni, riflessioni, critiche. Sarebbe bello poter creare un ambiente di confronto!

Post popolari in questo blog

LA BRIGANTA・MARIA ROSA CUTRUFELLI

Nell'Italia neo-unita, una rea di essersi data "alla macchia" contro il nuovo regno è giunta al termine della sua ventennale prigionia. Vent'anni che dell'antico pudore le hanno lasciato solo il ricordo, resti di radici ormai divelte. Non c'è più niente che lei non possa dire. Con il suo incipit, La Briganta di Maria Rosa Cutrufelli si presenta al lettore con un avvertimento: saranno gli occhi di una donna che ha appena iniziato un riscatto non cercato dalle convenzioni della femminilità a farti vedere le marce e gli agguati, i bivacchi e le carneficine delle truppe di pezzenti raccolte sotto il bianco stendardo borbonico, sin dall'inizio a lottare per la bandiera del più debole.

Weir di Hermiston: il capolavoro incompiuto di Stevenson

All'alba della disfatta napoleonica, Weir di Hermiston (1894)abbandona il lettore all'improvviso, lasciando di colpo una presa fatta di straordinaria potenza evocativa. Con questo romanzo a metà Robert Louis Stevenson ci ha lasciato la metafora migliore della sua scomparsa.
Scozia, 1814. Il figlio di un rigido giudice, detto "Il giudice impiccatore", e dell'ultima, pia fronda di un selvaggio fusto della piccola aristocrazia scozzese, è seguito sin dall'infanzia nel ribollire di sentimenti e pensieri in lotta, schieramenti misti di ragione e impulso che si fondono e respingono in continui assalti. Il giovane Archie cresce sotto le cure della madre, amando un padre dalla condotta decisa, facile a scambiarsi per una tendenza al sopruso. Esplode la rivolta, quel tentativo di tirar giù il tiranno che conosciamo dalla nascita del mondo, ma che per Archie si risolve in un'umiliante ritirata. Spedito ad Hermiston ad amministrare le terre materne, sarà qui che Ar…

Jan Vermeer・La lattaia

La lattaia (1658 - 61 ca.) è sicuramente uno dei dipinti più famosi di Jan Vermeer. La monumentalità rassicurante delle sue forme, insieme alla grazia del gesto misurato e allo sguardo concentrato, conferisce al personaggio un fascino quasi materno. Una scelta rara se non unica in confronto al resto dell'opera di Vermeer, che preferisce spiare la privata titubanza di giovani spose indecise fra la virtù e il vizio o la pigrizia di padrone assopite, piuttosto che riempirci del sereno conforto di una solida rettitudine.


Il richiamo alla virtù, che spesso in Vermeer assume la forma della Temperanza (raffigurata in allegoria sui vetri colorati delle immancabili finestre), era missione tipica della pittura di genere olandese del XVII secolo: siamo nel "secolo d'oro" delle Province Unite -  "unite" proprio dalla nuova etica della Riforma, anche solo come scusa per l'indipendenza - secolo che fu tale proprio per la piena adesione dei più agli insegnamenti pater…