Il fascino di Vermeer Passa ai contenuti principali

Il fascino di Vermeer

 
Il pittore della luce. Titolo d’onore che Vermeer condivide con altri grandi. Ma, nonostante la luce fosse la grande domanda della sua arte, chissà quante volte fra i pensieri di un ammiratore ne sia stato scoperto uno un po’ spavaldo, subito zittito: non è solo questione di luce.

È il resoconto, il diario di chi si sia appostato in attesa del momento giusto, della luce giusta, lo ammetto. Ma quando la luce va a scoprire una macchiolina vermiglia, come non sentire tutto il peso dei pensieri taciuti, l’elegante sforzo di una mano che sfiora il mento, il timore di sprofondare?


Jan Vermeer, Fantesca che porge una lettera alla signora, 1667 ca.


Si tratta anche di colore. Due lacci di fuoco che scorrono, dimentico cosa siano, mi chiedo se stiano pulsando. 

Dal buio emerge una fronte dal riflesso discreto, sicuramente più discreto del bagliore della lettera, un lampo che squarcia il colore, pizzica l’occhio. È la storia di due sguardi. Per il nostro non c’è spazio.

Vermeer ci ha messi a spiare. Ci riempie di desideri, e non ce ne esaudisce nessuno. Non ci fa ascoltare le parole. Non ci fa toccare i corposi sbuffi gialli, tesi a rubar luce alle pieghe brune, né tantomeno ce ne fa sentire il fruscio. Mai ci farà leggere le macchie dell’anima custodite in quella, accecante, lettera.

Ci tenta, il peccato potrebbe compiersi in un istante. Basterebbe afferrare il fiocco che stringe le perle. Tirarne un lembo. Quanto ci provoca, la luce, quando bagna le perle. 

Ecco, non è solo questione di luce. Si tratta del silenzio che risveglia la vita, quella precipitosa, che scopre e afferra. E la smentisce. Per sempre.

E voi, come descrivereste il fascino di Vermeer?

Commenti

  1. I have read so many posts regarding the blogger lovers but this paragraph is actually a fastidious post, keep
    it up.

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un commento!
Condividi con l'autore e gli altri lettori impressioni, opinioni, riflessioni, critiche. Sarebbe bello poter creare un ambiente di confronto!

Post popolari in questo blog

Leggiamo il teatro: Shakespeare e Pirandello pt.2

Riccardo II ed Enrico IV
Abbandono dell'identità, rinuncia alla coscienza di sé: questi gli strumenti che il passo del Riccardo II shakespeariano analizzato nel precedente articolo ci ha indicato come gli unici capaci di garantire all'individuo un posto nel mondo. E lì si concludeva dicendo che l'Enrico IV pirandelliano sembra proprio percorrere questa strada.
Una comitiva di giovani signori dei primi decenni del XX secolo organizza una cavalcata in maschera in occasione del Carnevale: ognuno è chiamato a scegliersi un personaggio storico e ad impersonarlo indossando non solo un costume che lo ricordi, ma anche le vicende della sua stessa vita - la sua storia - e quanto della personalità del personaggio scelto sia possibile conoscere. 
Almeno, è così che il protagonista si prepara ad interpretare il suo Enrico IV di Franconia (non Enrico IV di Borbone: l'Enrico IV di cui si parla qui fu Sacro Romano Imperatore fra il 1084 e il 1105; l'altro fu il primo re di Franci…

Recensione • GENTE DI DUBLINO

Con i suoi quindici racconti, Gente di Dublino (Dubliners il titolo originale) rappresenta non solo una fra le maggiori opere di James Joyce, ma anche la consacrazione del genere e del suo futuro successo. Pubblicato nel 1914, il libro contiene brevi storie scritte fra il 1904 ed il 1907, tutte ambientate nella Dublino malinconica e arresa di inizio secolo scorso. 
Silenzio. Una sensazione alquanto inusuale, ma è proprio quella che ho provato al termine delle lettura di ciascuna storia.

Antonio Rocco・Della bruttezza

Un discorso, di quelli che un tempo venivano recitati come dimostrazioni di abilità oratorie. Eredità del mondo antico, che così caro aveva il suono della voce umana. Un richiamo che Antonio Rocco (1586 - 1653), lettore di retorica a Venezia, non smette di sottolineare con le sue continue citazioni. E ad ognuna di queste spinge più affondo l'ago con cui ci ha punto quando abbiamo immaginato di sentirlo, sguardo compiaciuto:
" Vi dico, ch'io voglio nel mio presente discorso trattar di cose brutte, con brutto e disconcio favellare. "
La bruttezza come opposta all'affascinante, ammaliante, pericolosa bellezza. La bruttezza senza la quale gli uomini non avrebbero ragione di sperare nel dono della redenzione, senza cui non si potrebbe esprimere l'immensa clemenza del divino. La bruttezza dell'ignoranza, garante di serenità.
Una lettura non scoscesa, sebbene l'italiano sia quello del diciassettesimo secolo. Ci riempie di immagini raccolte a piene mani dall&#…