Antonio Rocco・Della bruttezza Passa ai contenuti principali

Antonio Rocco・Della bruttezza

 

Un discorso, di quelli che un tempo venivano recitati come dimostrazioni di abilità oratorie. Eredità del mondo antico, che così caro aveva il suono della voce umana. Un richiamo che Antonio Rocco (1586 - 1653), lettore di retorica a Venezia, non smette di sottolineare con le sue continue citazioni. E ad ognuna di queste spinge più affondo l'ago con cui ci ha punto quando abbiamo immaginato di sentirlo, sguardo compiaciuto:

" Vi dico, ch'io voglio nel mio presente discorso trattar di cose brutte, con brutto e disconcio favellare. "

La bruttezza come opposta all'affascinante, ammaliante, pericolosa bellezza. La bruttezza senza la quale gli uomini non avrebbero ragione di sperare nel dono della redenzione, senza cui non si potrebbe esprimere l'immensa clemenza del divino. La bruttezza dell'ignoranza, garante di serenità.

Una lettura non scoscesa, sebbene l'italiano sia quello del diciassettesimo secolo. Ci riempie di immagini raccolte a piene mani dall'esperienza quotidiana, ci conduce scandagliando semplicemente la realtà, come facendoci strada fra i campi che tutti distrattamente calpestiamo.

Alza il braccio ed indica con gesto sicuro, sicuro che contro l'evidenza non ci siano armi da brandire.

" Or quali angoscie, quali ramarichi, quali inquietudini, quali affanni irremediabili apporta una vagheggiata bellezza agli infelici amanti? [...] E qual più vero inferno, che il petto di un'anima innamorata? "

Eppure, sebbene tutta questa ovvietà del semplice susciti un senso di imbarazzato fastidio, non si può non dare il merito al Rocco di aver ammonito i suoi uditori, in questo suo Della bruttezza, con le massime di una saggezza forse un po' scomoda, una saggezza che molti non esiterebbero a fraintendere per calzarla nel modo che più gli conviene.

" Udite: Natura semper agit propter finem..."


Mi chiedo se ci sia qualcuno che possa fuggire il turbamento, qualcuno che mai dimentichi questa verità.

Ammirare da un punto diverso un panorama familiare, e scoprirne un profilo inaspettato, che non può non far parte proprio di quel panorama. Illuminare una faccia del mondo che era rimasta oscurata. Nella sua brevità senza pretese, è questo il più gran pregio del discorso Della bruttezza. 

_________________________________________

Edizione di riferimento: Antonio Rocco, Della bruttezza, ETS Editrice, Pisa, 1990






Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione • GIOBBE - ROMANZO DI UN UOMO SEMPLICE

Romanzo strano.  Giobbe - Romanzo di un uomo semplice, sembra (e dico: sembra) non concedersi affatto alcuna licenza dalla semplicità dell'uomo la cui storia, intrisa di affanni, Joseph Roth ha vergato fra le sue righe. Pubblicato nel 1930, è opera di un autore abbastanza singolare, sul quale invito a leggere qualcosa, basta una di quelle biografie che il web ospita. 
A dire il vero, questo romanzo non è rientrato per niente nelle mie aspettative. Ma è altrettanto vero che difficilmente accade il contrario, soprattutto se l'idea che ci si è fatti non solo è priva di alcun legame con l'esperienza diretta dell'oggetto (nel nostro caso, il libro in questione), ma è per di più un'immagine ben nitida e fissa nella nostra mente. Ciononostante, lungi da me dirmi deluso da questa lettura. Romanzo strano (mi ripeto intenzionalmente; tale constatazione mi si è presentata più volte alla mente mentre sfogliavo il libro, quasi una sorta di leitmotiv).

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!