LUIGI NATOLI・I BEATI PAOLI Passa ai contenuti principali

LUIGI NATOLI・I BEATI PAOLI

 
Uno dei massimi romanzi storici del panorama siciliano. Avventure, passioni, delitti, intrecciano le vite di un cast di personaggi che la luce, la polvere di Sicilia inondano di emozioni tiranniche. Romanzo d'appendice pubblicato tra il 1909 e il 1910 da Luigi Natoli sul Giornale di Sicilia, I Beati Paoli sono fra quei grandi capolavori di cui il nostro mondo letterario sembra spesso dimenticarsi.

Nella Palermo del 1698 ha inizio una storia che si protrarrà per i successivi vent'anni. A gettarne le basi è Don Raimondo Albamonte, cavaliere della Motta e fratello minore del Duca Emanuele, da poco sposato e in attesa della nascita del suo rampollo. Ma la mascella serrata del cavaliere non rivela alcun piacere per l'imminente gioia, alcuna emozione se non l'odio per chi sancirà la sua posizione di cadetto. Da qui un susseguirsi di tentati omicidi e la finale scomparsa di tutti coloro che tengono Don Raimondo lontano dalla corona ducale. Ma nella Palermo dell'epoca c'è anche chi, mosso da un ideale di giustizia che supera ogni sentimento di pietà, prende le armi in nome di chi è vittima inerme dei soprusi baronali: la società dei Beati Paoli, cui non passerà inosservata l'ambizione spregiudicata di Don Raimondo. 

Sono trascorsi quindici anni dagli avvenimenti del prologo, quando nella capitale siciliana giunge su un ronzino mal messo un giovanotto di provincia. Le sue peripezie lo porteranno a stringere amori e a lottare in duelli che gli apriranno le porte verso i misteri di Casa Albamonte e le sentenze dei Beati Paoli, animato da quella vitalità senza freni che solo la spensieratezza può generare, quella spensieratezza che solo una vita incerta può donare.

Questo è l'aspetto più commovente, intenso, direi l'elemento da cui sgorga tutto il fascino dell'opera: la spensieratezza di Blasco da Castiglione, personaggio del quale il lettore spia l'esistenza, con cui condivide i rischi e le gesta da paladino, che accompagna nella sua maturazione, lento ma irrevocabile allontanamento dall'incertezza verso una piena e ineludibile consapevolezza.

La sua vita si incontra e si scontra con personaggi che impareremo a conoscere, ad amare, ad odiare, dopo ottocento e più pagine a compatire. Ne sentiremo tutto il dramma, tutta l'intensità dei sentimenti avvinghianti come manie. 

La trama è mossa da una serie di avvenimenti, rispettive conseguenze, coincidenze che capovolgono le situazioni e che testimoniano, a volte con veemenza, la maternità di una mente che sta al di sopra della vicenda stessa. Ma a fare da contrappeso sono le ricostruzioni dello sfondo storico, i colpi di scena - che rendono il lettore grato all'inventiva dell'autore - e, soprattutto, l'adesione incrollabile dei personaggi ai propri valori, che onorano non per convinzione indotta, ma perché spinti delle stesse emozioni che li agitano a stringerli in un abbraccio che non ha tempo.

Natoli eccelle nell'esprimere i tormenti, le angosce, l'incapacità dei suoi uomini e delle sue donne di uscire da un'atmosfera piena, pesante, grave di passato e gravida di futuro che non smette di produrre un presente vibrante, nei cui contrasti viene spontaneo riconoscere il fascino dell'esistenza.

L'ampiezza del romanzo racchiude una scrittura che si lascia attraversare a ritmi diversi, con i balzi dell'avidità, con l'attenzione di uno sguardo indagatore, col fiato rotto dalla paura del peggio. Si realizza qui una sorta di palestra delle emozioni, costituita dall'alternarsi di piacevoli abbandoni e di ansie, soprattutto di malinconiche nostalgie. 

Se c'è un'emozione che più mi fa riconoscere come siciliano è proprio l'unicità della nostalgia che quella terra insegna ai suoi figli. Si ha l'impressione di aver mangiato un'arancia, un mandarino. Per ore e ore, le mani restano pregne della sua essenza, del suo sapore, del suo ricordo che a folate discrete raggiunge i nostri sensi. Sento ancora tutto quello che è stato come vivo. Ma ormai non è più, è solo il suo profumo che ne canta l'epopea.

Titolo: I Beati Paoli
Autore: Luigi Natoli
Casa Editrice: Flaccovio Editore (ormai esiste una nuova edizione della stessa casa editrice)
Pagine: 840
Prezzo: € 18,00

Commenti

Post popolari in questo blog

Jan Vermeer・La lattaia

La lattaia (1658 - 61 ca.) è sicuramente uno dei dipinti più famosi di Jan Vermeer. La monumentalità rassicurante delle sue forme, insieme alla grazia del gesto misurato e allo sguardo concentrato, conferisce al personaggio un fascino quasi materno. Una scelta rara se non unica in confronto al resto dell'opera di Vermeer, che preferisce spiare la privata titubanza di giovani spose indecise fra la virtù e il vizio o la pigrizia di padrone assopite, piuttosto che riempirci del sereno conforto di una solida rettitudine.


Il richiamo alla virtù, che spesso in Vermeer assume la forma della Temperanza (raffigurata in allegoria sui vetri colorati delle immancabili finestre), era missione tipica della pittura di genere olandese del XVII secolo: siamo nel "secolo d'oro" delle Province Unite -  "unite" proprio dalla nuova etica della Riforma, anche solo come scusa per l'indipendenza - secolo che fu tale proprio per la piena adesione dei più agli insegnamenti pater…

Fëdor Dostoevskij・L'idiota (riflessioni)

Quando ci si trova a voler scrivere su un'opera dal valore universale, non si può far altro che tentare di esprimere l'immagine con cui, tramite la lettura, l'opera stessa si sia impressa nell'angolo riservato alle sensazioni. L'idiota, più chiaramente, non è un romanzo di cui propongo una recensione. Mi limito a registrare delle riflessioni senza pretese, se non quella di rimettere ordine alle idee che ogni lettura lascia più o meno scompigliate. Il retrogusto della lettura.

Scritto fra il settembre 1867 e il gennaio 1869 durante l'esilio per debiti che Fëdor M. Dostoevskijtrascorse spostandosi per l'Europa, L'idiota ha per protagonista l'epilettico principe Lev Nicolaevič Myškin, tornato in Russia dopo un lungo periodo di cure in Svizzera. Il tratto distintivo del principe è, apparentemente, la sua ingenuità, unita al facile abbandono al fervore delle emozioni, ciò che appunto lo trascina, nei casi più estremi, a crisi epilettiche precedute da ist…

Leggiamo il teatro: Shakespeare e Pirandello pt.2

Riccardo II ed Enrico IV
Abbandono dell'identità, rinuncia alla coscienza di sé: questi gli strumenti che il passo del Riccardo II shakespeariano analizzato nel precedente articolo ci ha indicato come gli unici capaci di garantire all'individuo un posto nel mondo. E lì si concludeva dicendo che l'Enrico IV pirandelliano sembra proprio percorrere questa strada.
Una comitiva di giovani signori dei primi decenni del XX secolo organizza una cavalcata in maschera in occasione del Carnevale: ognuno è chiamato a scegliersi un personaggio storico e ad impersonarlo indossando non solo un costume che lo ricordi, ma anche le vicende della sua stessa vita - la sua storia - e quanto della personalità del personaggio scelto sia possibile conoscere. 
Almeno, è così che il protagonista si prepara ad interpretare il suo Enrico IV di Franconia (non Enrico IV di Borbone: l'Enrico IV di cui si parla qui fu Sacro Romano Imperatore fra il 1084 e il 1105; l'altro fu il primo re di Franci…