LA BRIGANTA・MARIA ROSA CUTRUFELLI Passa ai contenuti principali

LA BRIGANTA・MARIA ROSA CUTRUFELLI

 
Nell'Italia neo-unita, una rea di essersi data "alla macchia" contro il nuovo regno è giunta al termine della sua ventennale prigionia. Vent'anni che dell'antico pudore le hanno lasciato solo il ricordo, resti di radici ormai divelte. Non c'è più niente che lei non possa dire. Con il suo incipit, La Briganta di Maria Rosa Cutrufelli si presenta al lettore con un avvertimento: saranno gli occhi di una donna che ha appena iniziato un riscatto non cercato dalle convenzioni della femminilità a farti vedere le marce e gli agguati, i bivacchi e le carneficine delle truppe di pezzenti raccolte sotto il bianco stendardo borbonico, sin dall'inizio a lottare per la bandiera del più debole.

Non sempre si abbraccia un ideale per sincera convinzione. Ci si può ritrovare a rischiare la vita per un ideale soltanto perché crea un diversivo, un'occasione di fuga dal passato che non si risolva in un pigro vagare fra le stenti. È quello che si trova a fare Margherita, la protagonista di queste brevi memorie, dopo aver sacrificato sull'altare della libertà il protettore, il carceriere che il destino da ragazza di buona famiglia le ha messo accanto. 

E come tutte le coincidenze danno allo stesso tempo la prova e il suo contrario dell'esistenza del destino, così questa altalena, questa bilancia che mai decide di pendere dalla parte della volontà umana o del fato, fa incontrare Margherita con colui che la lontananza non ha mai reso uno sconosciuto, il fratello cui non c'è bisogno di dare del voi, ma che ormai indossa il giglio delle truppe legittimiste, il marchio che di tante promesse orna i rischi del brigantaggio.

Le memorie attraversano le imprese delle bande e le lotte nelle campagne di borghi e città senza nome, inutile distinzione in un Mezzogiorno che in quei mesi del 1861 è un unico, immenso e insidioso campo di battaglia. I momenti di calore, le ansie, gli orrori vengono passati in rassegna come ricordi di sentimenti, di emozioni, di quelle gelosie, incapaci di mettere ombre su gratitudini e simpatie, che le donne spargono con gesto spontaneo nelle loro vite.

Maria Rosa Cutrufelli
Un romanzo breve, di una brevità direi necessaria. Non si avverte, infatti, un andamento dinamico, svelto, una corrente trascinante, nonostante i numerosi spostamenti della banda di briganti sia lo sfondo quasi costante della vicenda. Ma, appunto come sfondo, le spedizioni si muovono dietro le descrizioni della protagonista, quasi estranea alle loro autentiche ragioni, sempre pronta a ricevere impressioni e a confessare suggestioni. È l'unicità del punto di vista a raccogliere il racconto, producendo un immancabile senso di moto anti-dinamico. È un flusso interiore che si scorre con piacere perché può esser colto con pochi sguardi. La prolissità sarebbe stata deleteria.

La penna della Cutrufelli verga periodi ben delineati e sempre capaci di comunicare fremiti e tensione dei sentimenti, volti soprattutto a rendere l'originalità di ciò che l'unione fra le vicende e il personaggio genera. In un'opera che altrimenti mancherebbe di un sostegno a darle identità - il fascino della materia non basta - è forse questo il più grande pregio: la verità del personaggio che si avverte leggendone il suo proprio racconto, cosa possibile grazie agli sfumati ritratti dei misteri dell'animo, custodi di ciò che rende l'individuo tale.

Il romanzo - il primo dell'autrice - è stato pubblicato per la prima volta nel 1990, frutto di ricerche su cui si fonda lo scenario storico e dell'incontro con le foto delle "brigante" dell'epoca, come dichiarato nella postfazione. Seguirono altre riedizioni. Io ho letto quella del 2005 per Frassinelli. Oggi, la stessa casa editrice commercializza l'opera in formato e-book.

Titolo: La Briganta
Autore: Maria Rosa Cutrufelli
Pagine: 156
Casa editrice: Frassinelli
Prezzo: €6,99 (e-book)



Commenti

Post popolari in questo blog

Jan Vermeer・La lattaia

La lattaia (1658 - 61 ca.) è sicuramente uno dei dipinti più famosi di Jan Vermeer. La monumentalità rassicurante delle sue forme, insieme alla grazia del gesto misurato e allo sguardo concentrato, conferisce al personaggio un fascino quasi materno. Una scelta rara se non unica in confronto al resto dell'opera di Vermeer, che preferisce spiare la privata titubanza di giovani spose indecise fra la virtù e il vizio o la pigrizia di padrone assopite, piuttosto che riempirci del sereno conforto di una solida rettitudine.


Il richiamo alla virtù, che spesso in Vermeer assume la forma della Temperanza (raffigurata in allegoria sui vetri colorati delle immancabili finestre), era missione tipica della pittura di genere olandese del XVII secolo: siamo nel "secolo d'oro" delle Province Unite -  "unite" proprio dalla nuova etica della Riforma, anche solo come scusa per l'indipendenza - secolo che fu tale proprio per la piena adesione dei più agli insegnamenti pater…

Leggiamo il teatro・La cacciata della verità in Goldoni e Wilde (parte2): Lady Windermere's Fan

Lady Windermere's Fan: la verità taciuta

Nella prima parte del dittico dedicato al confronto fra Carlo Goldoni e Oscar Wilde sono stati commentati alcuni aspetti della commedia goldoniana La bottega del caffè. Più di un secolo dopo, nel 1892, andava in scena l'opera scelta per Wilde: Lady Windermere's Fan.
Trama L'azione "takes place within twenty-four hours" (si svolge nell'arco di ventiquattr'ore) come dice Wilde stesso nel descrivere il primo atto. È il compleanno di Lady Margaret Windermere e per l'occasione il marito, Lord Windermere, le ha regalato un ventaglio (il fan, che avrà un vero e proprio ruolo drammaturgico) che la festeggiata guarda senza particolare entusiasmo. Mentre Lady Windermere dirige i preparativi per la festa che si terrà la sera stessa, Lord Darlington la incalza con domande circa il matrimonio e il diritto di una donna tradita a "rifarsi una vita", possibilità che Lady Windermere rifiuta con tutta la forza della…

Let's read the theatre・The exclusion of truth (part 2): Lady Windermere's Fan

The exclusion of truth: The coffeeshop and Lady Windermere's Fan

In the first part of the article I have commented Goldoni's La bottega del caffè (The coffeehouse). More than a century later, in 1892, it was played Oscar Wilde's Lady Windermere's Fan.

Plot The play takes place "within twenty-four hours", as Wilde himself says in the note at the first act's beginning. It's Lady  Margaret Windermere's birthday. As a gift from her husband, Lord Arthur Windermere, she has received a nice fan, but she doesn't matter about it. While Lady Windermere is arranging the evening party, Lord Darlington tells her his opinions about marriage: in particular, he says that it is right for betrayed women to love another man. Lady Windermere can't accept that.
Soon, she finds out to be herself a betrayed wife. In fact, the Duchess of Berwick tells her that Lord Windermere is having an affair with a rake woman, Mrs. Erlynne. At first Lady Windermere can't t…