GLI ULTIMI E I PRIMI・NINA BERBEROVA Passa ai contenuti principali

GLI ULTIMI E I PRIMI・NINA BERBEROVA

 
Il dopo la Rivoluzione di Ottobre è più o meno noto a tutti. La vita dopo la Rivoluzione, questa sembra poco accessibile, sfumata. La deduciamo dagli ingredienti - sì, come una pietanza; ma ogni pietanza, per quanto prevedibile, resta sempre un po' nascosta. Aspetta che la si assaggi. Un assaggio di quella vita dopo è ciò che offre Nina Berberova col suo primo romanzo, Gli ultimi e i primi, uscito a puntate nel 1930. 

La caduta di qualcosa di grande termina in infiniti frantumi. L'impatto col suolo sprigiona un'energia violenta, che si lancia da ogni parte. Un'energia fino ad allora ignota ai più distratti, temuta dai più accorti, benedetta da chi non osava quasi più sperarla. Vai, tocca a te! - sembra dirgli. Ma, a volte, si dimenticano di chiederle dove. È la ricerca di questo dove a determinare l'angoscia che si nasconde fra gli intrecci di domande, brividi, pallori - tipicamente russi, mi verrebbe da dire - dei personaggi del breve romanzo. 

Settembre 1928, Provenza. È qui che una colonia di emigrati russi sta costruendo la sua nuova vita. Alla porta dei Gorbatov si presenta uno di quelli che al richiamo avevano risposto, senza esser poi riusciti ad impedire che all'Impero distrutto si sostituisse il suo riflesso capovolto. Sta tutta qui la linea che separa gli ultimi dai primi: gli uni non si arrendono all'evidenza di un sogno concluso, gli altri ne fuggono la sterilità. 

Negli uni si leggeranno tutte le paure e le inquietudini che gli stanno accanto mentre guardano il baratro, la confusione che li avvolge quando lasciano che sia la vita, adesso, a dar comandi; negli altri, un timore celato sotto mille veli - sta al lettore dare un nome a questo timore -,  l'ansia di chi sa che, iniziata la corsa, non può più fermarsi.

Non soltanto un contrasto generazionale. Padri, figli, amori trascorsi fanno i conti con quello che è il maggior trauma per una pianta: il travaso - solo che per loro non c'è nessun vivaista premuroso. Accettare. La sconfitta, il fallimento, lo sguardo che passa oltre, che tende le mani a quelle di un altro. Accettare: una violenza per chi è pieno di vita; una degna sepoltura da dare al passato per il saggio, o per chi prova ad esserlo.

Nel rispetto della turbolenza degli animi che è forse uno dei tratti più caratteristici di una certa letteratura russa, la Berberova tesse un romanzo fatto di emozioni febbrili di cui è difficile disegnare i contorni, perché circondate da riferimenti mai troppo espliciti. Tutto avviene in una sorta di penombra, bisogna destreggiarsi, darsi da soli le risposte che servono.  Il lettore cala lentamente dentro la storia, in qualsiasi momento è libero di uscirne con addosso soltanto poche gocce. Non si può negare però la sensazione, giunti all'ultima pagina, di esser tornati da un altrove di cui si conserverà un ricordo che difficilmente non si tornerà ad interrogare, né l'intensità della scrittura, la carica dei colori. 

Altra cosa rispetto ai gusti più recenti, inclini a mettere sotto gli occhi qualcosa di pronto in tutte le sue parti. Una lettura breve, ma che chiede il suo tempo.

Autore: Nina Berberova
Casa Editrice: Passigli Editori
Traduzione di: Silvia Sichel
Numero pagine: 126
Prezzo: €12,00





Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione • GIOBBE - ROMANZO DI UN UOMO SEMPLICE

Romanzo strano.  Giobbe - Romanzo di un uomo semplice, sembra (e dico: sembra) non concedersi affatto alcuna licenza dalla semplicità dell'uomo la cui storia, intrisa di affanni, Joseph Roth ha vergato fra le sue righe. Pubblicato nel 1930, è opera di un autore abbastanza singolare, sul quale invito a leggere qualcosa, basta una di quelle biografie che il web ospita. 
A dire il vero, questo romanzo non è rientrato per niente nelle mie aspettative. Ma è altrettanto vero che difficilmente accade il contrario, soprattutto se l'idea che ci si è fatti non solo è priva di alcun legame con l'esperienza diretta dell'oggetto (nel nostro caso, il libro in questione), ma è per di più un'immagine ben nitida e fissa nella nostra mente. Ciononostante, lungi da me dirmi deluso da questa lettura. Romanzo strano (mi ripeto intenzionalmente; tale constatazione mi si è presentata più volte alla mente mentre sfogliavo il libro, quasi una sorta di leitmotiv).

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!