IL MUTO FINALMENTE SCRIVE Passa ai contenuti principali

IL MUTO FINALMENTE SCRIVE

 
Francamente, queste settimane di silenzio me le aspettavo. Sapevo che ci sarebbero state, considerando la mia seria difficoltà nel portare al termine qualcosa, anche quando sia per me una vera causa di piacere. Mi rendo conto dell'assurdità di questo limite: eppure è una realtà quanto mai autentica.

Nei giorni muti che sono trascorsi, ad ogni post mancato, ho avvertito un senso di fallimento, quasi di mortificazione. Ma sto realizzando solo adesso quanto ciò sia indice di un approccio sbagliato maturato nel periodo più recente, di un allontanamento da quel mondo di sensazioni che mi portavano a vedere il blog come un luogo segreto, una dimora confortevole, un riparo dal quale assistere al continuo sfumarsi tra loro dei colori che mi capita di lasciar colare mentre parlo, soffocando le parole, con me stesso. 

È venuto a mancare l'egoismo iniziale. Ho sbagliato nell'aver voluto dare a qualcosa che è nato come spontanea soddisfazione di un intimo desiderio, a un vero e proprio momento di gioco, la divisa e l'etichetta del dovere, di un impegno dovuto a me stesso. Nel fare ciò, si è consumato per l'ennesima volta il tradimento verso la mia indole, costretta dalle convenienze della ragione e del buon senso. 

Perciò, questo blog tornerà alla sua originale natura: uno spazio in cui rivolgermi all'altrui attenzione quando avrò il bisogno di farlo, e non più un luogo dove assemblare le parole ricercate per mantenere viva la comunicazione. Ammiro chi riesce a dare regolarità alla propria espressività. Ma riconosco che l'incapacità di fare altrettanto è insita nella mia persona, di cui spesso costituisce un vero motore. 

Il silenzio qui è stato accompagnato da repentini cambiamenti nella mia vita e da un intenso piano d'azione. Le forze, le energie, le facoltà di un individuo non possono essere convogliate e rivolte sempre lungo lo stesso percorso e verso una direzione sempre uguale a se stessa. Almeno per me, i momenti più malinconici coincidono proprio con i periodi di maggiore sedimentazione sul terreno di modi d'essere che mi hanno già stufato. 

E affinché questo blog possa continuare a soddisfarmi, è necessario che si modelli sui miei stessi passi, che si muova seguendomi nel diventare sempre qualcun altro. Non voglio abbandonarlo, non mi è mai venuto in mente un tale proposito. Grazie a questo spazio ho avuto modo di entrare in contatto con gente le cui idee ed opinioni hanno stimolato i pensieri e le immagini della mia mente con una vivacità insperata. 

Scrivo questo articolo perché, coerentemente con quello che un blog è, credo sia necessario esporre le intenzioni del suo curatore, non volendo questi apparire come qualcuno che per negligenza si sia ritirato in un'abbastanza prolungata reticenza. Chi mi leggerà saprà in tal modo cosa potrà aspettarsi da me, ovvero una totale tirannia nel gestire la periodicità di aggiornamento ed una completa assenza di ripensamenti. 

Per inerzia, potrei anche soccombere ai rigidi limiti che regolano il vivere comune e l'agire all'esterno; ma nei miei spazi, in ciò che mi appartiene, non c'è posto per la stabilità. E questo il devo essere il primo ad accettarlo. 

La consapevolezza così raggiunta non inficerà affatto l'attenzione con cui curerò i contenuti, né bisogna pensare ad un completo abbandono dei precedenti intenti editoriali. Queste righe vogliono soltanto esprimere l'intensità con cui desidero vivere ogni parola che qui verrà letta. E ciò avrà come inevitabile conseguenza un rovesciamento dei ruoli: non l'autore al servizio del blog, ma quest'ultimo come finestra pronta ad aprirsi tra lui e chi sarà disposto ad offrirgli attenzione e il suo contributo nel gioco che egli tanto predilige.

Buone letture...

Commenti

  1. Rispetto molto la tua sincerità e la scelta di assecondare i tuoi tempi piuttosto che "rispettare la regola". Tenere un blog è impegnativo. Solo provandoci seriamente si riesce a capire in quale misura il blog interessa e come deve funzionare per corrispondere ai propri ritmi e desideri. Secondo me il criterio principale da seguire è solo uno: il blog non deve essere un peso. E' triste trasformare un piacere in un dovere. Sei comunque tra i blog che tengo d'occhio, perciò quando scriverai ti leggerò. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, mai trasformare qualcosa di piacevole in un' ulteriore entità cui dovere qualcosa. Mi rincuora sapere che continuerai a leggermi, significa molto per me riuscire ad essere compreso e continuare ed essere apprezzato. Grazie davvero! :)

      Elimina

Posta un commento

Condividi la tua opinione con l'autore e gli altri lettori

Post popolari in questo blog

Recensione • GIOBBE - ROMANZO DI UN UOMO SEMPLICE

Romanzo strano.  Giobbe - Romanzo di un uomo semplice, sembra (e dico: sembra) non concedersi affatto alcuna licenza dalla semplicità dell'uomo la cui storia, intrisa di affanni, Joseph Roth ha vergato fra le sue righe. Pubblicato nel 1930, è opera di un autore abbastanza singolare, sul quale invito a leggere qualcosa, basta una di quelle biografie che il web ospita. 
A dire il vero, questo romanzo non è rientrato per niente nelle mie aspettative. Ma è altrettanto vero che difficilmente accade il contrario, soprattutto se l'idea che ci si è fatti non solo è priva di alcun legame con l'esperienza diretta dell'oggetto (nel nostro caso, il libro in questione), ma è per di più un'immagine ben nitida e fissa nella nostra mente. Ciononostante, lungi da me dirmi deluso da questa lettura. Romanzo strano (mi ripeto intenzionalmente; tale constatazione mi si è presentata più volte alla mente mentre sfogliavo il libro, quasi una sorta di leitmotiv).

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!