BLOG E RECENSIONI: L'AUTORE AI SUOI (POCHI E PERLOPIÙ OCCASIONALI) LETTORI Passa ai contenuti principali

BLOG E RECENSIONI: L'AUTORE AI SUOI (POCHI E PERLOPIÙ OCCASIONALI) LETTORI

 
E' ormai da qualche mese che scrivo, anche se non molto di frequente; da cui consegue l'aspetto ancora un po' scarno del mio blog. 
In questi mesi ho però molto riflettuto su quale sia effettivamente lo scopo e l'utilità di uno spazio del genere. E un'idea me la sarei anche fatta...

Anzitutto, partiamo da cosa accade praticamente all'interno di un blog: un autore scrive dei post che vanno ad infoltire i contenuti del web, e che sono quindi destinati alla lettura da parte dei fruitori del web stesso. Ciò significa che, per quanto il blogger possa concepire come intimo il proprio blog, esso è comunque una piazza sicuramente non frequentata solo da lui, ma che anzi deve mostrare in continuo il suo "motivo di essere", con vantaggi ed attrattive per chi vi transita, altrimenti si sarebbe potuto benissimo lasciare un semplice crocicchio al suo posto.
Un blog non è solo per il suo autore, ma anche per chi lo legge.

Convinto di ciò, mi si presenta la conseguente faccenda: in che modo posso conciliare le mie esigenze, i miei bisogni, con le finalità che un luogo simile deve avere? La questione, credo sia evidente, non è per nulla banale; forse è proprio in ciò che si mostra la vera stoffa di un blogger, e in generale di chiunque produca qualcosa di pubblico accesso. Il problema si amplifica quando il tema trattato non è qualcosa di sistematico, di tangibile e proprio della parte per così dire meccanica della quotidianità, ma rientra nella sfera dell'amusement, del diletto, dove per diletto si intende l'abbandono ad un momento di spontaneo ristoro, di piacevole veglia dei sensi di cui non ci si vuole sentire spettatori, ma protagonisti entusiasti. 

E come può creare una realtà del genere un autore di recensioni letterarie? Probabilmente, il fatto di interessarmi al commento di classici non va incontro alla giusta tendenza della gran parte dei lettori, i quali dirigono il loro interesse verso le novità; più raramente ci si trova incuriositi dalla lettura di opinioni su lavori già ampiamente trattati in contenuti facilmente raggiungibili in rete. Potrei allora cambiare genere; ma sinceramente non credo che riuscirei a produrre nulla di buono in questo caso, perché mi verrebbe a mancare quello stimolo alle mie indubbiamente limitate capacità, che discende dalla lettura di un qualcosa che mi interessi davvero. 

Converrete con me (altrimenti, sentitevi liberissimi di esprimere il vostro dissenso) che l'unico punto di forza che possa avere un blog come questo sia l'originalità. E l'unica garanzia che posso darvi della mia originalità è dirvi come ogni pensiero, ogni commento su ciò che leggo, non sia altro che il frutto di un tentativo di rendere in forma scritta ciò che nel mio trambusto interiore quella lettura ha suscitato e, soprattutto, lasciato. 

Provate ad approcciarvi in modo diverso, a farvi una vostra opinione e ad iniziare un dibattito. E' quello che io desidero più intensamente per questo blog. Cerco di raggiungere un vostro coinvolgimento osservando le opere dal punto di vista dell'individuo più che della collettività, della persona piuttosto che della società di cui è membro, tanto affollata da essere priva di qualsivoglia sentimento. Il problema è un mio limite, e di questo ne siamo tutti consapevoli. Ma la soluzione più utile a me e a voi credo sia proprio quella di invitare ciascuno di quelli che capiterà qui a portare avanti il proprio punto di vista, la propria opinione. La partecipazione di tutti fa di un blog una vera fonte di vantaggio!

Ciò significa anche prendere posizione circa i contenuti, fare quindi critiche sulle scelte, dare consigli. Siate giudici nell'eterno processo del Mondo.

Spero di essere stato capace di esprimere il mio pensiero. Buone letture!




Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione • GIOBBE - ROMANZO DI UN UOMO SEMPLICE

Romanzo strano.  Giobbe - Romanzo di un uomo semplice, sembra (e dico: sembra) non concedersi affatto alcuna licenza dalla semplicità dell'uomo la cui storia, intrisa di affanni, Joseph Roth ha vergato fra le sue righe. Pubblicato nel 1930, è opera di un autore abbastanza singolare, sul quale invito a leggere qualcosa, basta una di quelle biografie che il web ospita. 
A dire il vero, questo romanzo non è rientrato per niente nelle mie aspettative. Ma è altrettanto vero che difficilmente accade il contrario, soprattutto se l'idea che ci si è fatti non solo è priva di alcun legame con l'esperienza diretta dell'oggetto (nel nostro caso, il libro in questione), ma è per di più un'immagine ben nitida e fissa nella nostra mente. Ciononostante, lungi da me dirmi deluso da questa lettura. Romanzo strano (mi ripeto intenzionalmente; tale constatazione mi si è presentata più volte alla mente mentre sfogliavo il libro, quasi una sorta di leitmotiv).

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!