METTIAMO ORDINE Passa ai contenuti principali

METTIAMO ORDINE

 
Da blogger alle prime armi quale sono, ho cercato informazioni su ciò che effettivamente può aiutare nell'organizzazione e nella crescita, ma soprattutto nel mantenimento, di un blog. E quello che sembra essere di essenziale importanza è la stesura di un cosiddetto piano editoriale.


COS'È UN PIANO EDITORIALE ?

In poche parole, si tratta di una sorta di mappa che descriva il progetto che il blogger si propone di realizzare e di costruire con ogni nuovo post, in modo da evitare o comunque ridurre i momenti di confusione ed eventuali crisi d'identità del blog. Ovviamente, la gran parte di questo progetto sarà scoperta dal lettore articolo dopo articolo: non trovo sensato postare qui una linea di rotta esplicita, per il semplice fatto che sicuramente avverranno dei cambiamenti, delle piccole manovre di riassestamento, che per loro natura sono imprevedibili ed inevitabili. 


UN CALENDARIO

Quello che ho intenzione di partecipare tramite questo articolo è piuttosto una sorta di calendario editoriale, sensibile anch'esso di possibili mutamenti, ma che mi propongo di seguire e rispettare. Tale programmazione è ovviamente subordinata alla mole di impegni che gravano sulle mie giornate e al ridotto tempo "libero" di cui effettivamente dispongo. 


Recensioni

Circa le recensioni, la minima frequenza che posso garantire è quella di almeno un'opera al mese. Vorrei riuscire ad essere tanto preciso da rispettare anche il giorno: a meno di forze maggiori, la recensione dovrebbe "uscire" il 20 del mese. Una periodicità così diluita è da attribuirsi al già sopra citato inconveniente del tempo che non basta,  e che quindi non mi permette di avere la certezza di riuscire a completare più di un libro nell'arco di circa trenta giorni. Sono naturalmente ammesse eccezioni.


Il lunedì

Ciò però non soddisfa totalmente né me, né sicuramente un lettore che voglia affezionarsi a questo blog. Ebbene, un' altra idea sarebbe quella di pubblicare almeno un articolo a settimana, di lunedì (giusto perché avrei il vantaggio del weekend che lo precede), inerente a questioni e argomenti che rientrino nella sfera di interesse del blog, ossia letteratura, arte in generale, comunicazione. A chi giudicasse illegittima una tale scelta, ricordo il "sottotitolo" che, immaginando già questa situazione, ho dato a Ma...in che senso? : "Libri e pensieri". 


CONCLUSIONI 

Spero così di conferire una certa vitalità ad uno spazio che altrimenti potrebbe risultare immerso in un torpore sicuramente non allettante per gli utenti, in particolare nella fase embrionale in cui questo si trova al momento. Soprattutto, spero di trovare l'appoggio del lettore, che è fortemente invitato a  condividere consigli su idee più interessanti o suggerimenti circa una migliore programmazione.

Buone letture!

Commenti

Post popolari in questo blog

Leggiamo il teatro: Shakespeare e Pirandello pt.2

Riccardo II ed Enrico IV
Abbandono dell'identità, rinuncia alla coscienza di sé: questi gli strumenti che il passo del Riccardo II shakespeariano analizzato nel precedente articolo ci ha indicato come gli unici capaci di garantire all'individuo un posto nel mondo. E lì si concludeva dicendo che l'Enrico IV pirandelliano sembra proprio percorrere questa strada.
Una comitiva di giovani signori dei primi decenni del XX secolo organizza una cavalcata in maschera in occasione del Carnevale: ognuno è chiamato a scegliersi un personaggio storico e ad impersonarlo indossando non solo un costume che lo ricordi, ma anche le vicende della sua stessa vita - la sua storia - e quanto della personalità del personaggio scelto sia possibile conoscere. 
Almeno, è così che il protagonista si prepara ad interpretare il suo Enrico IV di Franconia (non Enrico IV di Borbone: l'Enrico IV di cui si parla qui fu Sacro Romano Imperatore fra il 1084 e il 1105; l'altro fu il primo re di Franci…

Recensione • GENTE DI DUBLINO

Con i suoi quindici racconti, Gente di Dublino (Dubliners il titolo originale) rappresenta non solo una fra le maggiori opere di James Joyce, ma anche la consacrazione del genere e del suo futuro successo. Pubblicato nel 1914, il libro contiene brevi storie scritte fra il 1904 ed il 1907, tutte ambientate nella Dublino malinconica e arresa di inizio secolo scorso. 
Silenzio. Una sensazione alquanto inusuale, ma è proprio quella che ho provato al termine delle lettura di ciascuna storia.

Antonio Rocco・Della bruttezza

Un discorso, di quelli che un tempo venivano recitati come dimostrazioni di abilità oratorie. Eredità del mondo antico, che così caro aveva il suono della voce umana. Un richiamo che Antonio Rocco (1586 - 1653), lettore di retorica a Venezia, non smette di sottolineare con le sue continue citazioni. E ad ognuna di queste spinge più affondo l'ago con cui ci ha punto quando abbiamo immaginato di sentirlo, sguardo compiaciuto:
" Vi dico, ch'io voglio nel mio presente discorso trattar di cose brutte, con brutto e disconcio favellare. "
La bruttezza come opposta all'affascinante, ammaliante, pericolosa bellezza. La bruttezza senza la quale gli uomini non avrebbero ragione di sperare nel dono della redenzione, senza cui non si potrebbe esprimere l'immensa clemenza del divino. La bruttezza dell'ignoranza, garante di serenità.
Una lettura non scoscesa, sebbene l'italiano sia quello del diciassettesimo secolo. Ci riempie di immagini raccolte a piene mani dall&#…