Recensione • LA LETTERA SCARLATTA Passa ai contenuti principali

Recensione • LA LETTERA SCARLATTA

 
Gli americani saranno ben fieri di vantare questo romanzo fra i capolavori della loro biblioteca di classici. La lettera scarlatta è infatti opera notevole non solo per la brillante immediatezza espressiva con cui Hawthorne l'ha plasmata, ma probabilmente soprattutto per la profonda e complessa caratterizzazione psicologica dei personaggi. Oltre che per il fascino mistico, esoterico quasi, delle vicende ivi narrate.

Scritto nel 1850, La lettera scarlatta gode di una tale potenza da renderlo molto vicino ai nostri giorni ed apprezzabile dal lettore contemporaneo. D'altronde, la consacrazione a "classico" non può che discendere da un nitore che nemmeno il tempo è riuscito ad offuscare.

Il principio del romanzo è in realtà alquanto fuorviante, con quei vecchi impiegati che sonnecchiano fra le stanze di un ufficio doganale il cui splendore è ormai un lontano ricordo. Ma ecco l'autore dare già dimostrazione delle sue doti di grande osservatore, eccolo offrire un assaggio della sua immaginazione viva e del calore della sua espressione. Posso affermare che la lettura di questa introduzione, che in altre circostanze avrei giudicato un po' prolissa, abbia sortito lo stesso effetto di una chiacchierata davanti ad una tazza di tè con Mr. Hawthorne; al cui termine, mi son ritrovato ad avere una nuova e stimatissima conoscenza. 
L'espediente del manoscritto ritrovato non è naturalmente una novità. Ma ciò non nuoce affatto all'intenzione di conferire autenticità e dignità alla storia che di lì a poco verrà narrata.

Siamo a Boston, nel '600, in piena epoca coloniale. La ricerca della purezza, dell'incorruttibilità è l'eredità che lo sfarzo elisabettiano ha lasciato al nuovo secolo. Ed eccoli i coloni puritani, severi ed ammantati di tetra austerità così come Hawthorne ce li presenta e, sicuramente, come davvero sarebbero apparsi allo spettatore contemporaneo. In questo mondo dove l'imposizione di un assoluto rigore sembra non far altro che aumentare i sabba nei boschi, si svolge la doppia espiazione di un unico peccato... 
Mi stupisce sempre, mi turba che nella dimensione dell'anima si realizzi così indissolubilmente il legame fra salvezza e dolore. E questo romanzo ne riporta un esempio penosamente toccante. 
L'adultera Hester Prynne è condannata a portare a vita il marchio ardente del suo atto; il suo complice, a dover vivere con un rimorso che lo divorerà anima e corpo. 

Ma chi sconta veramente la sua pena? Colei contro la quale in ogni istante si abbatte lo sguardo accusatore del prossimo, o colui che deve affrontare soltanto se stesso? Questo il dubbio che l'autore suscita, ponendo in continuo parallelismo le esistenze dei due peccatori. All'una, la Provvidenza dà un'irrequieta creatura, destinata a mantenere viva e ardente la colpa di cui è figlia; all'altro, la vendetta degli uomini avvicina il ghigno rugoso di colui che manterrà alte le fiamme del suo tormento... 

È impossibile non ammirare l'imponenza dello spirito di Hester. Ed anche Hawthorne sembra sbilanciarsi in questo senso, tratteggiando effettivamente le forme di una donna eroica, di quella che ci appare sempre più nitidamente come una fra le prime ad addossarsi il grave fardello di difensore della dignità femminile, pronta a sopportare la bruciante ferita della lettera scarlatta in nome di quella forza di cui sente che il suo genere sia il portatore esclusivo. E, personalmente, non posso che concordare con lei.

Buone letture...

Titolo: La lettera scarlatta
Autore: Nathaniel Hawthorne
Traduzione di: Fausto Maria Martini
Casa editrice: Mondadori
Prezzo di copertina: € 9,00


Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione • GIOBBE - ROMANZO DI UN UOMO SEMPLICE

Romanzo strano.  Giobbe - Romanzo di un uomo semplice, sembra (e dico: sembra) non concedersi affatto alcuna licenza dalla semplicità dell'uomo la cui storia, intrisa di affanni, Joseph Roth ha vergato fra le sue righe. Pubblicato nel 1930, è opera di un autore abbastanza singolare, sul quale invito a leggere qualcosa, basta una di quelle biografie che il web ospita. 
A dire il vero, questo romanzo non è rientrato per niente nelle mie aspettative. Ma è altrettanto vero che difficilmente accade il contrario, soprattutto se l'idea che ci si è fatti non solo è priva di alcun legame con l'esperienza diretta dell'oggetto (nel nostro caso, il libro in questione), ma è per di più un'immagine ben nitida e fissa nella nostra mente. Ciononostante, lungi da me dirmi deluso da questa lettura. Romanzo strano (mi ripeto intenzionalmente; tale constatazione mi si è presentata più volte alla mente mentre sfogliavo il libro, quasi una sorta di leitmotiv).

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!