Recensione • GIOBBE - ROMANZO DI UN UOMO SEMPLICE Passa ai contenuti principali

Recensione • GIOBBE - ROMANZO DI UN UOMO SEMPLICE

 
Romanzo strano. 
Giobbe - Romanzo di un uomo semplice, sembra (e dico: sembra) non concedersi affatto alcuna licenza dalla semplicità dell'uomo la cui storia, intrisa di affanni, Joseph Roth ha vergato fra le sue righe. Pubblicato nel 1930, è opera di un autore abbastanza singolare, sul quale invito a leggere qualcosa, basta una di quelle biografie che il web ospita. 

A dire il vero, questo romanzo non è rientrato per niente nelle mie aspettative. Ma è altrettanto vero che difficilmente accade il contrario, soprattutto se l'idea che ci si è fatti non solo è priva di alcun legame con l'esperienza diretta dell'oggetto (nel nostro caso, il libro in questione), ma è per di più un'immagine ben nitida e fissa nella nostra mente. Ciononostante, lungi da me dirmi deluso da questa lettura. Romanzo strano (mi ripeto intenzionalmente; tale constatazione mi si è presentata più volte alla mente mentre sfogliavo il libro, quasi una sorta di leitmotiv). 

Il giudizio circa la forma, l'espressione, l'efficacia comunicativa ed evocativa dell'autore è sicuramente positivo. La stranezza del romanzo si manifesta nel contenuto, nella trama. La storia narrata è quella delle sventure di una misera famiglia di ebrei russi, che deve far fronte non solo a mancanze materiali, ma anche a quella che sembra una maledizione, un'avversione divina che porta addirittura alla nascita di un nuovo membro deforme e dalla mente annebbiata. Si ha un susseguirsi di tappe angoscianti e dolorose: separazioni, nostalgie, paure, morti. E poi, improvvisamente, un eclatante riscatto, un lieto fine sconcertante, qualcosa di veramente difficile da interpretare a fronte della grandezza che lo stile fino ad allora incontrato, che le emozioni sorte durante la lettura hanno preannunciato e che smentisce qualsiasi sospetto di banalità. Eppure, un po' banale non può che esserlo: sembra voler dare un conforto sciocco, voler ricordare come dal dolore nasca la gioia, per giunta con la pretesa di dimenticare come più sovente il dolore muoia in se stesso e senza progenie.

Poi mi siedo un attimo, rifletto. 
Abbiamo assimilato un brutto vizio: cercare sempre di interpretare. Il vizio di credere che ogni prodotto d'arte abbia un messaggio da lanciare, un messaggio razionale; convinzione da cui scaturisce l'isterica voglia di scorgere questa così ben celata interpretazione, questo trasparentissimo messaggio. E trascuriamo vergognosamente che un romanzo, una canzone, un quadro non parlano la lingua della ragione, ma quella dell'anima! Non ci accorgiamo di quanto sia assurdo leggere quelle parole con gli occhiali della ragione, piuttosto che con quelli del sentimento.
Indossando le lenti giuste, dico: "Ha risvegliato emozioni assopite, ne ha suscitate di ignote. Mi ha commosso. Non  so perché, non voglio saperlo; ma ha dialogato coi miei sentimenti..."

In conclusione, Roth ha creato un'opera forse banale per la ragione, ma un'intensissima interlocutrice, una sublime attrice, per il sentimento. 

La cosa che più mi sorprende, è sapere che tutto questo è qualcosa di unico, di personale e massimamente intimo, sapere che non per tutti, per nessuno anzi, vale e varrà ciò che ho provato ad esprimere con questo commento... Buone letture!


Titolo: Giobbe - Romanzo di un uomo semplice
Autore: Joseph Roth
Traduzione di: Laura Terreni
Casa editrice: Adelphi
Pagine: 195
Prezzo di copertina: € 9,00
Link libro su amazon: http://amzn.to/2wjjvcl

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.

Jan Vermeer・La lattaia

La lattaia (1658 - 61 ca.) è sicuramente uno dei dipinti più famosi di Jan Vermeer. La monumentalità rassicurante delle sue forme, insieme alla grazia del gesto misurato e allo sguardo concentrato, conferisce al personaggio un fascino quasi materno. Una scelta rara se non unica in confronto al resto dell'opera di Vermeer, che preferisce spiare la privata titubanza di giovani spose indecise fra la virtù e il vizio o la pigrizia di padrone assopite, piuttosto che riempirci del sereno conforto di una solida rettitudine.


Il richiamo alla virtù, che spesso in Vermeer assume la forma della Temperanza (raffigurata in allegoria sui vetri colorati delle immancabili finestre), era missione tipica della pittura di genere olandese del XVII secolo: siamo nel "secolo d'oro" delle Province Unite -  "unite" proprio dalla nuova etica della Riforma, anche solo come scusa per l'indipendenza - secolo che fu tale proprio per la piena adesione dei più agli insegnamenti pater…

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!