Recensione • GENTE DI DUBLINO Passa ai contenuti principali

Recensione • GENTE DI DUBLINO

 
Con i suoi quindici racconti, Gente di Dublino (Dubliners il titolo originale) rappresenta non solo una fra le maggiori opere di James Joyce, ma anche la consacrazione del genere e del suo futuro successo. Pubblicato nel 1914, il libro contiene brevi storie scritte fra il 1904 ed il 1907, tutte ambientate nella Dublino malinconica e arresa di inizio secolo scorso. 

Silenzio. Una sensazione alquanto inusuale, ma è proprio quella che ho provato al termine delle lettura di ciascuna storia.
La narrazione di Joyce è assolutamente priva di qualsiasi elemento possa costituire un semplice abbellimento, un orpello fine a se stesso. Immediatamente ci si trova ad osservare le piccole scene rubate alla vita dei personaggi. E alla fine di ogni storia, il silenzio. Il silenzio dell'eloquenza muta, di ciò che non ha bisogno di esser detto perché già trascritto nel linguaggio dell'animo. L'autore lascia che sia la quotidianità dei personaggi a raccontarne i sentimenti, le frustrazioni, i piaceri, i dolori. Tutto lasciato al suo naturale corso, nulla di interrotto e di concluso, spiragli aperti brevemente su fiumi che scorrono noncuranti di queste piccole intrusioni. La malinconia è presente in varie forme, in certi momenti raggiunge picchi di dolcezza e di piacevole calore. Ma è pur sempre la malinconia di vite sconfitte, esistenze che trascorrono a capo chino, davanti al quale l'umiliazione è presente ogni volta che prova ad alzarsi.

La mancanza di una trama unica, l' organicità latente e profonda, credo che rendano Gente di Dublino un lavoro molto esposto ad una momentanea incomprensione, un' opera che potrebbe essere non apprezzata da tutti o in determinati momenti del nostro mondo interiore. Tuttavia, a chi riesce di compiacersene, questa lettura non si mostra come la ferma esposizione di un' idea, di un punto di vista; mai per lui assume le forme di discorso rivolto alle sue più intime orecchie. Appare invece come una muta compagna che, di volta in volta, apre e richiude quegli spiragli sottili e discreti sulle vite di qualche disgraziato. Immerso nella dimensione più ima dello spirito, egli può allora abbandonarsi ai suoi spontanei moti. 

Personalmente, non ho apprezzato allo stesso modo tutti i racconti: per la loro varietà, credo sia naturale che ognuno percepisca un coinvolgimento diverso alla lettura delle singole storie. Ritengo sia un libro non solo molto pratico dal punto di vista strutturale, nel senso che ogni racconto può esser letto indipendentemente dagli altri, ma anche uno fra quelli per cui meglio si realizza quella cangianza che fa apparire sconosciute le letture a cui ci si riavvicina per risfogliarle dopo qualche tempo. Il periodare di Joyce è scorrevole, ma soprattutto funzionale alle esigenze che ogni situazione richiede, e che vengono soddisfatte dalla sua padronanza della parola come foriera di nuove emozioni e riscopritrice di vecchie, nonché dalla grande confidenza che lo lega ai personaggi ed alle situazioni stesse. 

Non un libro spensierato. Molto invernale, se la metafora mi è consentita. 
Buone letture...

Titolo: Gente di Dublino
Autore: James Joyce
Traduzione di: Marina Emo Capodilista
Casa editrice: Newton Compton Editori
Pagine: 192
Prezzo di copertina: € 6,00

Commenti

  1. Capita di rado di trovare nuove recensioni di classici.
    Credo che la varietà delle situazioni sia uno dei punti di forza assoluti di Joyce. Mi piace.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che queste recensioni possano essere interessanti, anche se parlano di opere già abbondantemente commentate.
      La varietà delle situazioni, la familiarità con cui vengono esposte, l'assoluta discrezione dell'autore, la semplicità e l'immediatezza della composizione finale: per tutto ciò, ammiro tantissimo Joyce.
      Buona serata anche a te. :)

      Elimina

Posta un commento

Condividi la tua opinione con l'autore e gli altri lettori

Post popolari in questo blog

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.

Jan Vermeer・La lattaia

La lattaia (1658 - 61 ca.) è sicuramente uno dei dipinti più famosi di Jan Vermeer. La monumentalità rassicurante delle sue forme, insieme alla grazia del gesto misurato e allo sguardo concentrato, conferisce al personaggio un fascino quasi materno. Una scelta rara se non unica in confronto al resto dell'opera di Vermeer, che preferisce spiare la privata titubanza di giovani spose indecise fra la virtù e il vizio o la pigrizia di padrone assopite, piuttosto che riempirci del sereno conforto di una solida rettitudine.


Il richiamo alla virtù, che spesso in Vermeer assume la forma della Temperanza (raffigurata in allegoria sui vetri colorati delle immancabili finestre), era missione tipica della pittura di genere olandese del XVII secolo: siamo nel "secolo d'oro" delle Province Unite -  "unite" proprio dalla nuova etica della Riforma, anche solo come scusa per l'indipendenza - secolo che fu tale proprio per la piena adesione dei più agli insegnamenti pater…

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!