Recensione • CIME TEMPESTOSE Passa ai contenuti principali

Recensione • CIME TEMPESTOSE

 
Il primo post. E lo dedico, non senza qualche tentennamento, ad un libro che ho da pochissimo letto: Cime Tempestose, di Emily Brontë.
Il romanzo venne pubblicato nel 1847 sotto lo pseudonimo di Ellis Bell, contemporaneamente al romanzo della sorella minore di Emily e Charlotte, Anne, che vide stampato il proprio Agnes Grey.
Cime Tempestose, al contrario dei romanzi delle altre due sorelle, non ricevette grandi lodi dalla critica contemporanea e, leggendolo, potrebbe anche darsi che se ne colga il motivo. Oggigiorno, è considerato un capolavoro della letteratura vittoriana.

Quando mi sono accinto a leggere questo libro, ero convinto di stare per immergermi in un mondo composto e profumato, molto simile alla dimensione austeniana per intenderci; un mondo in cui l'apice della vivacità sarebbe stata raggiunta da qualche battibecco fra fanciulle. Mi sono ricreduto quasi immediatamente. Ma cominciamo da considerazioni formali.

La narrazione degli eventi è affidata a due narratori, dei quali il primo a comparire è il signor Lockwood, affittuario della residenza di Thrushcross Grange, nella brughiera dello Yorkshire. È a questi che la seconda voce narrante, la governante Ellen Dean, racconta le vicende delle ultime due generazioni che si sono susseguite nella proprietà di Wuthering Heights e della già citata Thrushcross Grange. 
Un espediente che personalmente ho gradito molto, giacché mi è risultato molto semplice immedesimarmi in Lockwood stesso ed immaginare che ci fosse proprio davanti a me Mrs.Dean a raccontarmi queste tetre storie. 
Il periodare è abbastanza scorrevole, e l'autrice non è di certo di quelli che sacrificano l'immediatezza delle immagini per dettagliati e minuziosi quadretti: al lettore viene fornito il giusto necessario per alimentare la propria fantasia. 

Il contenuto, come dicevo, è abbastanza tetro. La storia sembra poggiare su due colonne: l'amore e la vendetta. E non è certo all'amore che si guarda con indulgenza leggendo questo romanzo: il lettore si accorgerà presto di come sia difficile esprimere un giudizio conforme alla morale comunemente accettata, e credo che molti, se non tutti coloro che si sono dilettati con la compagnia di questo libro, siano stati presi almeno per un attimo da un senso di compassione per quella vendetta che tanto dolore porta ai personaggi. 
Il racconto della governante comincia con un padre che, tornato da un lungo viaggio, porta a casa un bimbetto scuro e rozzo: da quel momento, la pace verrà irrimediabilmente turbata. Non dico altro circa la trama, per paura di spoilerare troppo...

La mia personale impressione circa i personaggi è che, almeno i principali, non siano persone, ma puro sentimento. E ciò contribuisce molto a far sì che chi legge guardi con familiarità a questi sciagurati, che li senta vicini, perché è più facile riconoscere un sentimento puro, che una personalità nella sua complessità. L'ambientazione è decisamente gotica in molti punti e, comunque, sempre piuttosto melanconica. Le vicende sembrano relegate in un mondo lontano, distante. Ed è molto probabile che il lettore si senta rassicurato da questa lontananza, che provi meno timore nel rivedere la propria realtà in quel mondo, certo che nel proprio non potrebbe mai accadere tutto ciò che invece imperversa sotto quel cielo uggioso. 

Il libro risulta molto coinvolgente. Secondo la mia soggettività emotiva, potrebbe risultare anche un po' pesantuccio in certe occasioni. Ad ogni modo, lo consiglio vivamente a chi ami la letteratura inglese del periodo e a colui che voglia ampliare la propria biblioteca di classici.

Spero che si apprezzi questo primo tentativo.

Titolo: Cime tempestose (Wuthering Heights)
Autore: Emily Brontë
Traduzione di: Frederic Ieva
Casa editrice: Feltrinelli
Pagine: 432
Prezzo di copertina: € 9,50
Link libro su amazon: http://amzn.to/2fjrwKc

Commenti

  1. Dopo "Il ritratto di Dorian Gray" è il mio libro preferito, pieno di sentimento e di passione. Ti prende e ti travolge in un mondo magico, tanto tormentato, quanto affascinante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è un libro molto coinvolgente. Poi è anche abbastanza originale, i sentimenti sono visti sotto un punto di vista più intimo, sono liberi da un modo di pensare convenzionale, per così dire. "Il ritratto di Dorian Gray" lo lessi anni fa, ma ho in programma di riaprirlo, e magari ci scapperà un commento anche su quello! ;)

      Grazie per il commento! :)

      Elimina
    2. Aspetto con ansia il tuo commento al mio libro preferito: chissà magari ne esce fuori un dibattito interessante!

      Elimina
    3. Speriamo, mi farebbe davvero molto piacere! :D

      Elimina

Posta un commento

Lascia un commento!
Condividi con l'autore e gli altri lettori impressioni, opinioni, riflessioni, critiche. Sarebbe bello poter creare un ambiente di confronto!

Post popolari in questo blog

Leggiamo il teatro: Shakespeare e Pirandello pt.2

Riccardo II ed Enrico IV
Abbandono dell'identità, rinuncia alla coscienza di sé: questi gli strumenti che il passo del Riccardo II shakespeariano analizzato nel precedente articolo ci ha indicato come gli unici capaci di garantire all'individuo un posto nel mondo. E lì si concludeva dicendo che l'Enrico IV pirandelliano sembra proprio percorrere questa strada.
Una comitiva di giovani signori dei primi decenni del XX secolo organizza una cavalcata in maschera in occasione del Carnevale: ognuno è chiamato a scegliersi un personaggio storico e ad impersonarlo indossando non solo un costume che lo ricordi, ma anche le vicende della sua stessa vita - la sua storia - e quanto della personalità del personaggio scelto sia possibile conoscere. 
Almeno, è così che il protagonista si prepara ad interpretare il suo Enrico IV di Franconia (non Enrico IV di Borbone: l'Enrico IV di cui si parla qui fu Sacro Romano Imperatore fra il 1084 e il 1105; l'altro fu il primo re di Franci…

Recensione • GENTE DI DUBLINO

Con i suoi quindici racconti, Gente di Dublino (Dubliners il titolo originale) rappresenta non solo una fra le maggiori opere di James Joyce, ma anche la consacrazione del genere e del suo futuro successo. Pubblicato nel 1914, il libro contiene brevi storie scritte fra il 1904 ed il 1907, tutte ambientate nella Dublino malinconica e arresa di inizio secolo scorso. 
Silenzio. Una sensazione alquanto inusuale, ma è proprio quella che ho provato al termine delle lettura di ciascuna storia.

Antonio Rocco・Della bruttezza

Un discorso, di quelli che un tempo venivano recitati come dimostrazioni di abilità oratorie. Eredità del mondo antico, che così caro aveva il suono della voce umana. Un richiamo che Antonio Rocco (1586 - 1653), lettore di retorica a Venezia, non smette di sottolineare con le sue continue citazioni. E ad ognuna di queste spinge più affondo l'ago con cui ci ha punto quando abbiamo immaginato di sentirlo, sguardo compiaciuto:
" Vi dico, ch'io voglio nel mio presente discorso trattar di cose brutte, con brutto e disconcio favellare. "
La bruttezza come opposta all'affascinante, ammaliante, pericolosa bellezza. La bruttezza senza la quale gli uomini non avrebbero ragione di sperare nel dono della redenzione, senza cui non si potrebbe esprimere l'immensa clemenza del divino. La bruttezza dell'ignoranza, garante di serenità.
Una lettura non scoscesa, sebbene l'italiano sia quello del diciassettesimo secolo. Ci riempie di immagini raccolte a piene mani dall&#…