BLOG...PERCHÉ? Passa ai contenuti principali

BLOG...PERCHÉ?

 
Non sono di quelli che producono e a cui basta compiacersi di se stessi. Purtroppo, ho bisogno di suscitare il compiacimento, o anche solo l'interesse altrui. Probabilmente, è un tentativo di affermare la mia esistenza. 
Volendo essere meno patetico, con questo blog intendo dar sfogo a certe mie inclinazioni che temo possano atrofizzarsi, in seguito al percorso di vita e di studi che ho deciso di intraprendere. Diverse volte ho provato a tenere un blog, con risultati decisamente pessimi, ma che non hanno affievolito il mio desiderio di lavorare ad uno spazio personale. Credo che la causa dei fallimenti sia stata la mancanza di un progetto, di un modellino, di un'idea portante. Ed è di queste cose che sto cercando di dotare il presente blog. 
L'intento principale è quello di proporre "recensioni", che compariranno più nella forma di soggettive riflessioni, dei testi che più mi susciteranno interesse durante le mie letture: è da un po' che ho l'abitudine di fingere di parlare a qualcuno di un libro che ho appena finito di sfogliare...
Ovviamente, è il mio spazio, perciò molto probabilmente accoglierà anche altri tipi di post, frutto di una creatività che, appunto, non riesco a far stare in silenzio. 
Sentivo necessario per me stesso mettere per iscritto questa sorta di presentazione. 
Grazie a tutti coloro che si soffermeranno su questi post.

Commenti

Post popolari in questo blog

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!

Leggiamo il teatro: Shakespeare e Pirandello pt.2

Riccardo II ed Enrico IV
Abbandono dell'identità, rinuncia alla coscienza di sé: questi gli strumenti che il passo del Riccardo II shakespeariano analizzato nel precedente articolo ci ha indicato come gli unici capaci di garantire all'individuo un posto nel mondo. E lì si concludeva dicendo che l'Enrico IV pirandelliano sembra proprio percorrere questa strada.
Una comitiva di giovani signori dei primi decenni del XX secolo organizza una cavalcata in maschera in occasione del Carnevale: ognuno è chiamato a scegliersi un personaggio storico e ad impersonarlo indossando non solo un costume che lo ricordi, ma anche le vicende della sua stessa vita - la sua storia - e quanto della personalità del personaggio scelto sia possibile conoscere. 
Almeno, è così che il protagonista si prepara ad interpretare il suo Enrico IV di Franconia (non Enrico IV di Borbone: l'Enrico IV di cui si parla qui fu Sacro Romano Imperatore fra il 1084 e il 1105; l'altro fu il primo re di Franci…

GEORG SIMMEL・STUDI SU REMBRANDT

Due saggi, prodotti per la rivista "Logos" nella prima decade del '900 dal filosofo e sociologo tedesco Georg Simmel, dedicati all'interpretazione dell'opera del pittore di Leida. Una lettura che offre l'opportunità di avvicinarsi alla speculazione dell'autore, ma suppongo anche di riscoprirla in un ulteriore campo, quello estetico. Più affascinante, forse, la possibilità di venire istruiti su come mettere a fuoco l'immagine nell'ammirare l'arte di Rembrandt.