BLOG...PERCHÉ? Passa ai contenuti principali

BLOG...PERCHÉ?

 
Non sono di quelli che producono e a cui basta compiacersi di se stessi. Purtroppo, ho bisogno di suscitare il compiacimento, o anche solo l'interesse altrui. Probabilmente, è un tentativo di affermare la mia esistenza. 
Volendo essere meno patetico, con questo blog intendo dar sfogo a certe mie inclinazioni che temo possano atrofizzarsi, in seguito al percorso di vita e di studi che ho deciso di intraprendere. Diverse volte ho provato a tenere un blog, con risultati decisamente pessimi, ma che non hanno affievolito il mio desiderio di lavorare ad uno spazio personale. Credo che la causa dei fallimenti sia stata la mancanza di un progetto, di un modellino, di un'idea portante. Ed è di queste cose che sto cercando di dotare il presente blog. 
L'intento principale è quello di proporre "recensioni", che compariranno più nella forma di soggettive riflessioni, dei testi che più mi susciteranno interesse durante le mie letture: è da un po' che ho l'abitudine di fingere di parlare a qualcuno di un libro che ho appena finito di sfogliare...
Ovviamente, è il mio spazio, perciò molto probabilmente accoglierà anche altri tipi di post, frutto di una creatività che, appunto, non riesco a far stare in silenzio. 
Sentivo necessario per me stesso mettere per iscritto questa sorta di presentazione. 
Grazie a tutti coloro che si soffermeranno su questi post.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.

Jan Vermeer・La lattaia

La lattaia (1658 - 61 ca.) è sicuramente uno dei dipinti più famosi di Jan Vermeer. La monumentalità rassicurante delle sue forme, insieme alla grazia del gesto misurato e allo sguardo concentrato, conferisce al personaggio un fascino quasi materno. Una scelta rara se non unica in confronto al resto dell'opera di Vermeer, che preferisce spiare la privata titubanza di giovani spose indecise fra la virtù e il vizio o la pigrizia di padrone assopite, piuttosto che riempirci del sereno conforto di una solida rettitudine.


Il richiamo alla virtù, che spesso in Vermeer assume la forma della Temperanza (raffigurata in allegoria sui vetri colorati delle immancabili finestre), era missione tipica della pittura di genere olandese del XVII secolo: siamo nel "secolo d'oro" delle Province Unite -  "unite" proprio dalla nuova etica della Riforma, anche solo come scusa per l'indipendenza - secolo che fu tale proprio per la piena adesione dei più agli insegnamenti pater…

AUSTEN E DOSTOEVSKIJ: UN INSOLITO CONFRONTO

Ho terminato, tra i pomeriggi di sabato e domenica scorsi, la lettura di "L'abbazia di Northanger", uno dei primi romanzi, e sicuramente il meno famoso, scritti da Jane Austen. In quei due giorni, nei momenti in cui mi concedevo delle pause da quella vispa e loquace distrazione, mi veniva stranamente a trovare il volto di Fëdor Dostoevskyij.  Immaginerai la confusione in cui la mia povera mente si ritrovava: leggevo la composta e calorosa quotidianità della Austen, e il padre di Raskol'nikov mi veniva a bussare alla porta!